Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Azzurri cadetti allOpen dUngheria 2018

I cadetti e le due squadre juniores italiane non sono riuscite a superare i gironi  all'Open di Ungheria giovanile. Si sono piazzati tutti al secondo posto, mancando l'accesso ai rispettivi tabelloni.

Nel primo match il team guidato dal tecnico Umberto Giardina ha sconfitto per 3-1 Ungheria 2. Leonardo Bassi ha fatto doppietta, con il 3-1 (14-12, 11-4, 8-11, 11-8) su Bence Balogh e il 3-1 (11-9, 5-11, 11-6, 11-7) su Daniel Hogye. In doppio il lombardo e Federico Vallino Costassa hanno superato per 3-0 (11-5, 11-6, 11-5) Hogye e Levente Krebs. I magiari avevano temporaneamente pareggiato, grazie al 3-1 (10-12, 11-8, 11-8, 11-9) di Hogye su Vallino Costassa.

Nella seconda partita gli azzurri sono stati superati per 3-1 dall'Egitto, con il punto di Bassi per 3-1 (11-8, 9-11, 11-3, 11-9) su Omar Allam. Disco rosso per Vallino Costassa per 3-1 (9-11, 11-7, 8-11, 9-11) a opera di Ziad Elshawa, per il doppio di Bassi e Vallino Costassa per 3-0 (7-11, 13-15, 10-12) da Elshawa e Allam e per Bassi per 3-2 (11-8, 6-11, 4-11, 11-8, 6-11) contro Elshawa.

Gli juniores di Lorenzo Nannoni, con l'inserimento dello sloveno Matija Novel, hanno dominato per 3-0 la Svezia. Carlo Rossi ha ottenuto un ottimo punto per 3-1 (6-11, 11-9, 11-9, 11-9) su Martin Friis e Andrea Puppo ha incrementato il vantaggio, prevalendo per 3-1 (11-8, 8-11, 11-4, 11-7) su David Anderson. Novel ha chiuso i conti, con il 3-0 (11-4, 11-4, 13-11) su Jonathan Thimon.

Con i francesi è finita 0-3, con il 2-3 (7-11, 11-9, 11-8, 9-11, 9-11) di Rossi contro Dorian Zheng, l'1-3 (11-5, 5-11, 4-11, 4-11) di Puppo contro Vincent Picard e l'1-3 (3-11, 3-11, 11-8, 8-11) di Novel contro Myshaal Sabhi.  

Anche le juniores di Giuseppe Del Rosso sono andate a segno, contro la Turchia, autentica bestia nera delle ultime manifestazioni un po' in tutte le categorie. Dopo la sconfitta per 3-2 (10-12, 11-8, 6-11, 20-18, 8-11) di Jamila Laurenti per mano di Ece Harac, Gaia Monfardini ha avuto la meglio per 3-2 (6-11, 11-8, 11-7, 8-11, 12-10) su Ozge Yilmaz e nel terzo singolare Arianna Barani è stata fermata da 3-0 (9-11, 8-11, 8-11) da Gamze Cotra. Laurento ha pareggiato con il 3-0 (11-5, 12-10, 12-10) su Yilmaz e Monfardini si è imposta per 3-2 (11-5, 6-11, 11-7, 8-11, 11-8) su Harac, siglando il successo.

Contro Ungheria 2 le azzurre hanno concesso il bis, imponendosi per 3-1. Dopo lo 0-3 (9-11, 6-11, 5-11) di Monfardini contro Anita Drabant, sono arrivati il 3-0 (11-7, 11-7, 11-6) di Laurenti su Marta Nagypal, il 3-2 (11-6, 6-11, 4-11, 11-8, 11-7) di Barani su Szilvia Czegledi e il 3-0 (11-8, 11-4, 12-10) di Laurenti su Drabant.

Nella partita decisiva per il primato la Russia non ha lasciato scampo (3-0). Hanno conquistato un set Laurenti (6-11, 8-11, 11-9, 9-11) con Ekaterina Zironova e Valentina Roncallo (7-11, 2-11, 11-9, 2-11) con Kristina Kazantseva ed è rimasta a secco Monfardini (4-11, 7-11, 5-11) con Elizabet Abraamian.

Domani inizierà il programma individuale dei cadetti e, nei gironi del singolare, nel Gruppo 3 Spagnolo affronterà alle 9 lo spagnolo Pau Lloret, alle 9,50 il croato Roko Meter e alle 10,40 il singaporeano Nicholas Chong,  nel Gruppo 12 Bassi alle 9,25 l'ungherese Balazs Feher, alle 10,15 il tedesco Felix Kohler e alle 11,05 il kazako Iskender Kharki, nel Gruppo 13 Vallino Costassa alle 9,25 l'argentino Tomas Sanchi, alle 10,15 il magiaro Balazs Straubinger e alle 11,30 lo svedese Daniel Lindso e nel Gruppo 15 Giai alle 9,25 lo statunitense Kai Zarehbin, alle 10,40 il ceco Filip Karel e alle 11,30 il cinese Huang Youzheng.

In doppio nei trentaduesimi alle 15 Bassi e Spagnolo saranno opposti agli svizzeri Timothy Falconnier e Lukas Ott e Giai e Vallino Costassa agli ungheresi Nikolaosz Kizakisz e David Szantosi.