Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Foto 1 Giorgia Piccolin vincitrice del Challenge di NigeriaPer Giorgia Piccolin (Centro Sportivo Esercito) il Challenge Nigeria Open, in programma questa settimana, ha un significato particolare. Nel 2017 salì infatti sul primo gradino del podio nella competizione Under 21 (nella foto), battendo in finale per 3-2  l'ungherese Bernadett Balint, dopo averle annullato due match-point.

Quest'anno la 22enne bolzanina non potrà più essere al via a Lagos (un'ora indietro rispetto all'Italia) nella gara giovanile e si cimenterà solo in quella assoluta, in cui dodici mesi fa arrivò ai quarti e perse contro l'egiziana Dina Meshref. Rispetto ad allora la sua classifica è molto migliorata e infatti Giorgia sarà la testa di serie numero 3, alle spalle della thailandese Suthasini Sawettabut e dell'ungherese Zsandra Pergel.

La numero 4 del seeding sarà la lussemburghese Sarah De Nutte e la numero 5 l'altra azzurra Debora Vivarelli (Centro Sportivo Esercito). Dietro di lei la slovena Alex Galic, la colombiana Paula Medina, la nigeriana Olufunke Oshonaike, la norvegese Ilka Doval e l'egiziana Yousra Helmy.  Piccolin e Vivarelli saranno dunque esentate dalla fase di qualificazione di mercoledì e giovedì ed entreranno in scena venerdì.

Inizierà invece il suo percorso dai gironi Antonino Amato (Top Spin Messina), in un torneo che avrà come atleti più accreditati il beniamino di casa Quadri Aruna, il russo Alexey Liventsov, il finlandese Benedek Olah, il brasiliano Thiago Monteiro, l'inglese Samuel Walker, il francese Alexandre Robinot, l'argentino Horacio Cifuentes, l'ungherese Tamas Lakatos, lo scozzese Gavin Rumgay e il thailandese Supanut Wisutmaythangkoon.

Il palermitano gareggerà anche nell'Under 21 e salterà i gironi, essendo il numero 5 del seeding. Davanti a lui il romeno Rares Sipos, l'egiziano Mahmoud Helmy, l'argentino Cifuentes e l'indiano Ronit Bhanja.

In doppio Piccolin giocherà con la Galic e Vivarelli con la Pergel, mentre Amato farà coppia con il lussemburghese Eric Glod.