Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Mihai Bobocica allOpen dUngheria 2018 2La grande vena esibita ai Campionati Italiani Assoluti di Terni, ai quali sono stati protagonisti di una semifinale tiratissima, si è confermata a oltre 4.000 chilometri di distanza. Nella fase di qualificazione dell'Open del Qatar, che è iniziata questa mattina a Doha, Niagol Stoyanov e Mihai Bobocia (nella foto) hanno dato spettacolo.

Il campione tricolore in carica era impegnato contro il 25enne francese Quentin Robinot, numero 83 del ranking mondiale e bronzo agli Europei a squadre dello scorso settembre, e si è imposto per 4-2. Si è aggiudicato il primo set (11-9), nel secondo ha subìto il ritorno del transalpino (8-11) e poi è andato in fuga, imponendosi nel terzo (11-9) e nel quarto (12-10). Robinot ha accorciato le distanze nel quinto (11-2) e nel sesto, tornato in equilibrio, è stato l'azzurro a tagliare il traguardo (11-9).

Scalpo di prestigio anche per Bobocica, che era opposto a Bojan Tokic e lo ha superato con un quadruplo 11-8.  La 37enne leggenda slovena ha partecipato a tre edizioni delle Olimpiadi (Pechino 2008, Londra 2012 e Rio 2016) ed è stato argento in singolare agli Europei del 2011 e in doppio nel 2009 e 2011. Nell'ultima rassegna continentale a squadre in Lussemburgo ha regalato, con Darko Jorgic e Deni Kozul, uno storico terzo posto al suo Paese. Tokic attualmente occupa la 117ª posizione nel ranking Ittf ed è stato n. 25 nel 2011.

A Doha c'è anche Leonardo Mutti, il finalista degli Assoluti, che ha incontrato l'iraniano Noshad Alamiyan, n. 91 al mondo, e ha perso per 4-0 (9-11, 6-11, 7-11, 9-11).