Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

Arbitri Italiani ai Campionati Europei Giovanili 2018Si sono conclusi i Campionati Europei Giovanili e, oltre alla finale vinta ieri da Andrea Puppo nel doppio misto cadetti, l'Italia è stata protagonista di alcuni altri match decisivi, con i suoi arbitri di sedia Renato Agagliate, Gianbeppe Cuatto, Cosimo D'Amuri, Sergio Turco e Angelo Zambetti, presenti a Cluj-Napoca con il deputy referee Mario Re Fraschini.

Cuatto ha diretto la sfida durissima vinta dal greco Ioannis Sgouropoulos, che si è confermato campione juniores, per 4-3 (9-11, 8-11, 11-2, 9-11, 11-8, 11-5, 11-7) ai danni dello svedese Truls Moregard, argento iridato di categoria. Bronzo per il russo Maksim Grebnev e il romeno Rares Sipos.

A Turco è stata invece affidata la finale del singolare cadetti, che ha laureato il favorito polacco Maciej Kubik, per 4-1 (10-12, 11-6, 11-5, 11-9, 11-1) sul francese Myshaal Sabhi, che nei quarti aveva eliminato Puppo. Terzi a pari merito il ceco Simon Belik e il tedesco Mike Hollo.

Nelle semifinali del singolare cadette hanno svolto il loro compito D'Amuri e Zambetti. Alla fine la medaglia d'oro è andata alla romena Elena Zaharia, che ha superato per 4-2 (7-11, 7-11, 12-10, 11-9, 13-11, 11-6) la russa Elizabet Abraamian. Gradino più basso del podio per la svedese Rebecca Muskantor e la francese Prithika Pavade.

Nel singolare juniores femminile si è confermata la cinese dell'Azerbaijan Ning Jing, che ha dominato per 4-0 (11-7, 11-8, 11-4, 11-7) la romena Tania Plaian. Terza piazza per la svedese Christina Kallberg e la russa Ekaterina Zironova.

Venendo ai doppi, Agagliate ha arbitrato una semifinale dello juniores maschile (oltre alla finale del consolation del singolare), gara che ha premiato con l'oro i russi Lev Katsman e Maksim Grebnev, che hanno prevalso per 3-2 (10-12, 11-9, 11-6, 2-11, 11-7) sugli azeri Yang Xinyu e Yu Khinhang. Il podio è stato completato dai romeni Rares Sipos e Dragos Florin Oprea e dal romeno Cristian Pletea e dal francese Irvin Bertrand.

In campo femminile si sono imposte la russa Anastasia Kolish e la francese Lucie Gauthier, per 3-1 (8-11, 11-9, 11-6, 11-6) sulle azere Ning Jing e Chen Xingtai. Uscite in semifinale le serbe Sabina Surjan e Tijana Jokic e la romena Tania Plaian e la russa Ekaterina Zironova.

Fra i cadetti il polacco Maciej Kubik ha fatto doppietta con il singolare e, assieme al croato Ivor Ban, ha avuto la meglio per 3-1 (11-5, 4-11, 11-7, 11-6) sui romeni Andrei Tomica e Darius Movileanu. Si sono accontentati del terzo posto gli slovacchi Adam Klajber e Filip Delincak e i transalpini Myshaal Sabhi e Fabio Rakotoarimanana.

Sigillo francese sul doppio cadette, grazie a Prithika Pavade e Chloe Chomis, che hanno regolato per 3-1 (6-11, 14-12, 11-7, 11-5) le russe Elizabet Abraamian e Liubov Tentser. Si sono messi al collo il bronzo la croata Hana Arapovic e la ceca Linda Zaderova e le serbe Radmila Tominjak e Reka Bezeg.

Transalpini padroni anche nel misto juniores, con la vittoria di Jules Rolland e Lucie Gauthier, per 3-0 (11-9, 11-8, 12-10) sui polacchi Samuel Kulczycki e Anna Wegrzin. Terzi ex aequo i russi Maksim Grebnev e Natalia Malinina e i francesi Leo De Nodrest e Camille Lutz.